Facebook

Gocce di cinema – 2009

Share On GoogleShare On FacebookShare On Twitter

“Gocce di Cinema”


con i documentari  dell’archivio del Festival del documentario d’Abruzzo
 vai allo    Spot   del Festival (in formato .wnv)


La trasmissione “Gocce di Cinema” con i documentari dell’archivio del Festival del documentario d’Abruzzo viene trasmessa sulla emittente RadioTelevisiva TRSP il Mercoledì con inizio (intorno) alle ore 21.20 ed in replica il Giovedì mattina con inizio (intorno) alle ore 10.10.

Le introduzioni alle visioni sono curate dal Presidente della Associazione ACMA M. Chiara Manni, dal Direttore artistico del Festival Massimo Facecchia e da Matteo Cornacchia, della Segreteria del Festival.


Domenica 14 febbraio 2010   ed in replica   Lunedì 15 febbraio alle ore 10.00

I PIACEVOLI LIMITI   di Marco SANTANIELLO    23’44”, 2008

Il documentario è stato girato interamente nella città dell’Aquila con studenti universitari che si incontrano in quei luoghi che purtroppo oggi sono ormai cambiati. Prodotto da Arteimmagine di Giovanni Tatarelli che ha sede a Celano.

FELIX PICHERNA: WALKING TANGO IN MOSCOW di Ermanno FELLI   30’, 2008

Il leggendario deejay di Tango argentino all’età di 70 anni incontra il nuovo mondo del tango russo. Un viaggio nelle atmosfere delle milonghe di Mosca. Felix Picherna, di Buenos Aires, 70 anni, leggenda del tango internazionale è stato nell’agosto del 2006 al festival di tango di Mosca. Come vede lo sviluppo del tango in Russia? Da dove viene il tango? Quale è la sua opinione riguardo il “Tango Nuevo”? Attraverso queste domande mostriamo un grande evento, l’incontro tra il nuovo mondo del tango russo e Felix Picherna

Ermanno Felli laureato in filosofia ha lavorato in teatro a Berlino, ha studiato cinema presso l’Istituto VGIH di Cinema a Mosca. Ha realizzato numerosi cortometraggi come: 60 secondi di natura morta, Il desiderio, Quel primo bacio, Tra luci e ombre, Karina Spy Tv, The gentleman, e documentari come Musica Concentrationaria.


Lune 01 febbraio 2010 alle ore 21,30   ed in replica   Martedì 02 alle ore 10.00    

OCEANO DENTRO di Juliane R. BIASI e Sergio DAMIANI   52’, 2008

Anche i matti possono fare cose straordinarie. Pier Gianni Burreddu le ha fatte: ha attraversato l’oceano Atlantico su una barca a vela insieme ad altri uomini e donne con disagio psichico, ha suonato il suo basso è passato attraverso burrasche e ha saputo affrontare la sua malattia. Il documentario racconta il viaggio in Atlantico – da Cadice alle Antille sulla “barca dei folli”. Il giorno in cui l’equipaggio si lascia alle spalle la costa spagnola puntando verso sud-ovest, Pier Gianni non immagina che quella rotta oceanica in realtà lo sta riportando a casa, in Sardegna. Durante la navigazione Pier ripercorre la sua storia: il travagliato rapporto con i genitori, la malattia mentale, gli elettoshock, i molti ricoveri, ma anche la forza vitale della sua musica e ritroverà il coraggio e il desiderio di tornare a Sassari dove tutto era cominciato molti anni prima.
NOTE  Lavorando a questo documentario ho capito quanto sia fragile e allo stesso tempo forte la nostra mente. Per fare questo ci è voluto piu’ di un anno e la determinazione di tutti gli addetti ai lavori: i tecnici video e audio, i musicisti, gli assistenti oltre allo stesso Pier Gianni che si era reso disponibile per le musiche, ma soprattutto per la parte filmica in Sardegna.


Domenica 24 gennaio 2010 alle ore 20,45   ed in replica   Lunedì 25 alle ore 10.00  

VIVERE CON GLI ORSI ACCANTO di Claudio POTESTIO   30’, 2009

Realizzato intorno a Scanno, evidenzia lo stretto rapporto fra abitanti e orsi. E’ la rappresentazione di una realtà storica e sociale presente da secoli a Scanno.

Claudio Protestio documentarista non professionista svolge attività su tematiche naturalistiche. Ha realizzato documentari su  viaggi in Alaska e Antartide trasmessi anche da emittenti televisive.


Lune 18 gennaio 2010 alle ore 21,30   ed in replica   Martedì 19 alle ore 10.00 verrà riproposto  

MAJA LA DEA DI PIETRA di Gerdiglio ANGELONI   30’, 2003

Il mito di Maja è un piccolo patrimonio di poesia della terra d’Abruzzo. Esso racconta, nel suo linguaggio simbolico,  come l’amore per la Majella viva nel cuore della sua gente sin dagli albori della storia.

Il documentario ha vinto il premio per la regia  Il guerriero di Capestrano 2006.

Gerdiglio Angeloni originario di Chieti.  ha prodotto e diretto vari documentari: Tu signor del pennello, io che la rima…, La miseria ereditata, Andrea Delitio.


Giovedì 07 gennaio 2010 alle ore 21.20   ed in replica   Venerdì 08 gennaio 2010 alle ore 10.00 verranno riproposti

OGNI SETTE ANNI. LA PROCESSIONE DELLA MADONNA DELLE GRAZIE DI SONNINO di Matteo MOTTA e Andrea NATALINI   23’, b/n, 2008

Il documentario presenta la preparazione e lo svolgimento di un evento importante per la comunità sonninese, la processione settennale della Madonna delle Grazie, attraverso le immagini e le testimonianze dirette della popolazione.


Matteo Motta, milanese, laureato in Design al Politecnico di Milano a quest’attività affianca consulenze di progettazione e ricerca come free-lance.

Nel 2006 frequenta, alla Scuola del Cinema di Milano, il corso di Produzione Cinematografica tenuto da Marina Spada.

Partecipa come produttore esecutivo alla realizzazione del documentario “Diario di una Prof.” di Davide Pernicano e, come assistente di produzione, a “Scerbanenco by #”, di Stefano Giulidori. Realizza inoltre brevi filmati promozionali miscelando le passioni per il cinema, la fotografia e la grafica.


Andrea Natalini, trentenne milanese di nascita e romano d’adozione, vive attualmente tra la capitale e Terracina. Già laureato con lode in Geografia presso l’Università “La Sapienza” di Roma, ha conseguito poi  la laurea magistrale in Gestione e Valorizzazione del Territorio. Nel 2007 ha collaborato come pubblicista con la PubbliEdi per la “Grande Enciclopedia dei Comuni Italiani”, occupandosi dei comuni della provincia di Latina e Frosinone.

MALA TEMPORA CURRUNT. PIETRO E GLI EREMI ABRUZZESI di Stefano AMADIO  30’, 2007

Gli eremi abruzzesi attraverso l’esperienza di Pietro da Morrone. Alla riscoperta di luoghi fantastici e di uno stile di vita inconcepibile per i nostri giorni.

Un Medioevo raccontato da esperti come Edoardo Micati, Ezio Mattiocco, Sandro Cordeschi ed Enrico Santangelo

Stefano Amadio è giornalista e regista. Ha realizzato diversi documentari per la televisione italiana e un lungometraggio di fiction dal titolo Mala tempora (2008) che ripercorre l’ Abruzzo del 1200.


Mercoledì 16 dicembre 2009 alle ore 21.20   ed in replica   Giovedì 17 dicembre alle ore 10.00 

IL TASSIDERMISTA di Maurizio RADICE   80’, 2008

Tassidermia è l’arte di conservare la pelle degli animali. Più conosciuta come imbalsamazione, ebbe inizio con gli esploratori olandesi che nel Seicento riportarono in patria le loro scoperte.

Oggi che sembra non esserci più nulla di nuovo da esplorare, che i musei di scienze naturali sono visti come polverosi contenitori di anticaglie inutili, che la coscienza ecologica grida allo scandalo davanti agli animali imbalsamati, visti come un’esposizione di cattivo gusto di cadaveri, che la caccia è sempre più disapprovata, che senso ha ancora la figura del tassidermista? Poco.

Infatti il mestiere va scomparendo. Uno dei pochi rimasti in Italia è Agostino Navone. Non si è inventato un mestiere, ma l’ha affinato in una maniera che l’ha reso famoso, e non solo in Piemonte.

Dietro la semplice didascalia “opera in tassidermia” di artisti come Maurizio Cattelan si cela l’abilità artigianale di Agostino e dei ragazzi del suo laboratorio.

Maurizio Radice (Tradate, 1966) studia Ingegneria Elettronica al Politecnico di Milano.Dal 1998 inizia a lavorare nella post-produzione di video pubblicitari ed effetti speciali in computer grafica per alcuni film.Nel 2003 frequenta un Master di documentario presso le Scuole Civiche di Milano e collabora alla realizzazione di diversi documentari e video. Attualmente insegna Computer Grafica al Centro Sperimentale di Cinematografia di Torino e Montaggio Video presso il Centro Formazione Professionale Vigorelli di Milano. Opere: Happy hours (coregia/codirector Carmelo Bonvissuto, documentario 2004),  Dal Futurismo al futuro.
la presentazione alla pagina http://www.youtube.com/watch?v=SwEwco4af1Y


in via eccezionale    Lunedì 14 dicembre 2009 alle ore 21.30 ed in replica    Martedì 15 dicembre alle ore 10.00

L’UOMO DEI SOGNI di Francesco GIUSIANI

PARK di Massimo POMILIO

1950 SCIOPERO A ROVESCIO A LORETO APRUTINO di Caterina DONATELLI, Daniela VIOLA, Fabrizio GIOVANETTI

L’UOMO DEI SUONI di Francesco GIUSIANI   17’, 2008/2009

Rumori come suoni che accompagnano l’artigianalità di un lavoro che diviene  delicata musica ed armoniosa poesia.
Il documentario ha vinto il premio Fedic al Festival del Valdarno Cinema.

Francesco Giusiani  pisano, è laureato in Lettere, a 13 anni dirige il suo primo cortometraggio: Terroris Clamor.

In seguito è assistente di Roberto Merlino in vari corsi di regia e cinema. Tra le sue opere: Bon appétit –  Dolce giovinezza – Spirali di fumo – Retone a Bocca d’Arno – Il pazzo di Dio – Sickness of the sea – Cesare Borsacchi – L’urne dei forti – L’eroe mai cantato.

Nel dicembre 2006  ha concluso il  mediometraggio Enigma Club. Nel 2007 realizza: Senza fine: diario Paolo Ciampini Incisore;  Vita, morte e miracoli di me stesso; L’ultimo nastro di krapp selezionato nella sezione vetrine del Festival Internazionale del Cinema di S Giovanni Val d’Arno (premio Marzocco).


PARK di Massimo POMILIO   18’, 2006

Viaggio nel mondo dei parcheggiatori “non ufficiali”. Tra le vie di una Pescara indaffarata, con utenti della strada in perenne battaglia alla ricerca di un parcheggio, tra mille insidie del codice della strada, appaiono due amici pronti ad aiutare gli automobilisti impazziti. Il documentario ha vinto il premio Emilio Lopez  per il miglior cortometraggio al 1° Festival del documentario d’Abruzzo.

Massimo Pomilio di Pescara, regista di cortometraggi, tra cui “Il commissario Montalburro ed i falsi d’autore”, “Svegliati…Ugo” e di spot e filmati pubblicitari.


1950 SCIOPERO A ROVESCIO A LORETO APRUTINO di Caterina DONATELLI, Daniela VIOLA, Fabrizio GIOVANETTI   17’, 2005
Il dopoguerra, la fame, la disoccupazione, le fatiche per costruire una nuova esistenza e il diritto ad una vita dignitosa, lontani dalla propria terra. Il documentario racconta, attraverso le voci e i volti di alcuni dei protagonisti, uno degli episodi più importanti del conflitto sociale delle campagne abruzzesi.

Caterina Donatelli di Loreto Aprutino è regista e sceneggiatrice per passione, si occupa anche di laboratori video per le scuole.

Daniela Vola di Pescara, regista, sceneggiatrice ed operatore culturale lavora da dieci anni nella produzione di prodotti multimediali.

Fabrizio Giovanetti si occupa di montaggio ed è autore di cortometraggi.


Mercoledì 09 dicembre per esigenze tecniche dell’ Emittente, la Rassegna non viene trasmessa
e viene messa in onda, eccezionalmente
Venerdì 11 dicembre 2009 alle ore 21.30 ed in replica Sabato 12 dicembre alle ore 10.00

ANA di Antonio VERGAMINI 49′,5’, 2008
Il Teatro Sunil di Lugano propone ad Ana Heredia di entrare nella nuova creazione della compagnia come attrice.
Ana ha sempre vissuto a La Paz in Messico, fra il deserto e l’oceano, ha frequentato la scuola speciale, circondata da nove fratelli e sorelle e decine di nipoti, vivendo silenziosamente l’esperienza della propria sindrome di down.
Viaggiando da La Paz a Città del Messico, da Lugano a Montréal inizia l’avventura teatrale di questa giovane donna messicana che per la prima volta prenderà l’aereo, vedrà la neve, vivrà in una metropoli dove parlano un’altra lingua, entrerà in un teatro dalla porta degli artisti.
Ana ha vinto il premio come miglior documentario nella sezione sperimentale del terzo Festival del documentario d’Abruzzo 2009.

Antonio Vergamini nasce a Bergamo. E’ regista, attore ed autore di teatro. Ha scritto diretto e interpretato cinque cortometraggi oltre al documentario Ana.

Mercoledì 02 dicembre 2009 alle ore 21.30 ed in replica Giovedì 03 dicembre alle ore 10.00

FINCHÉ MORTE NON CI SEPARI di Fabiana ANTONIOLI 60’, 2008
Può esistere una storia che descrive i tifosi di una squadra di calcio a Torino? No. Perchè a Torino di squadre di calcio ce ne sono due. E Torino ha due modi di tifare, due modi di vincere, perdere, ricordare. Due modi di intendere il calcio. Il documentario Il documentario è il racconto, attraverso i ricordi dei tifosi, di un legame contagioso che dal 1949 unisce molti torinesi, e non solo. Vincitore del Paladino d’oro “Best Direction” al Palermo International Sport Festival e del 2° premio per il Miglior Documentario al concorso Il Corto.it.

Fabiana Antonioli video-operatrice e montatrice, lavora dal 2001 con Barbara Andriano nella Diecidecimi visual.media di Torino. Insieme realizzano filmati di ambito artistico e culturale collaborando con gallerie e musei. Operatrice video dal 2003 per APTN (Associated Press Television News) durante Moda Milano; realizza authoring dvd per produzioni Videoerre-Fabbri editori.
E’ autrice e regista nel 2003 del documentario ”Io.Storia di 20 persone” (premio al Valsusa Filmfest 7° edizione.

Mercoledì 25 novembre 2009 alle ore 21.30 ed in replica Giovedì 26 novembre alle ore 10.00

MURETTI A SECCO di Francesco SOSSIO 48’ 2007
Incentrato sul recupero di canti di lavoro e di lotta in Puglia, ha favorito l’incontro tra generazioni, utilizzando il linguaggio universale della musica, ha veicolato una vera e propria messe di informazioni e di documentazione, combinando ricerca musicale e ricerca storico-sociale. La ricerca è stata svolta con la collaborazione di diverse scuole della Puglia, del Sindacato Pensionati, della Federazione dei Lavoratori dell’Agro-Industria.

Francesco Sossio di Gravina di Puglia, diplomato al Conservatorio di Napoli, in questa sua opera prima è anche compositore e curatore-coordinatore della ricerca storico-musicale. Nel 2008 Muretti a secco è diventato anche uno spettacolo musicale che l’autore porta in giro per l’Italia con la sua folk band.


Mercoledì 18 novembre 2009 alle ore 21.30 ed in replica Giovedì 19 novembre alle ore 10.30

L’ORO DELLE TERRE APPACINOSE di Gino BENEDETTI 38’ 2007
Elogio alla “cultura” del grano tramite le immagini della semina, della trebbiatura e della mietitura con metodi tradizionali rievocati dalla “festa della trebbiatura” di Rocca S. Vito a Tornimparte (Aq) accompagnate da canti tradizionali.

Gino Benedetti originario del territorio aquilano, pubblicista. Produce numerosi documentari tra cui la serie “Paese che vai”, “La tradizione di S. Antonio”, “Uomini e aquiloni”, “Sudore e pane”, tutti legati alla cultura e alla tradizione della propria regione.

Mercoledì 11 novembre 2009 alle ore 21.30 ed in replica Giovedì 12 novembre alle ore 10.30

PASSIO. LA SETTIMANA SANTA DI TRAPANI di Manuela COSTA 30’ 2007
A Trapani si svolge un viaggio andata e ritorno, tra le diverse identità di passato, presente e futuro, della comunità che si raggruppa intorno alla festa dei Misteri ed alla sua preparazione. Durante la festa il sacro pervade lo spazio circostante ed include tutto quanto vi si approssima.

Manuele Costa di Palermo svolge attività professionale,didattica ed accademica. Cura archivi di risorse audiovisive per La Cineteca Nazionale – Scuola di Cinema di Roma, Archivio storico dell’Istituto Luce e cura ed organizza l’archivio corrente del Maestro Franco Zeffirelli. Oltre a “Passio” ricordiamo: “A volo d’Angelo”; “Sessa Aurunca. Note sui canti della Settimana Santa”; in co-regia con M. Gibertini “Libero di Fare quello che mi pare. Conversazione con Turi Sottile” e “Non essere qui oggi è come non esistere”, “L’orgoglio Rom” e “Sinto per la prima volta in Piazza”.

Mercoledì 04 novembre 2009 alle ore 21.30 ed in replica Giovedì 05 novembre alle ore 10.30

MAJA LA DEA DI PIETRA di Gerdiglio ANGELONI 30’, 2003
Il mito di Maja è un piccolo patrimonio di poesia della terra d’Abruzzo. Esso racconta, nel suo linguaggio simbolico, come l’amore per la Majella viva nel cuore della sua gente sin dagli albori della storia.
Il documentario ha vinto il premio per la regia Il guerriero di Capestrano 2006.

Gerdiglio Angeloni originario di Chieti. ha prodotto e diretto vari documentari: Tu signor del pennello, io che la rima…, La miseria ereditata, Andrea Delitio.

Mercoledì 28 ottobre per esigenze tecniche dell’Emittente, la Rassegna non è andata in onda

Mercoledì 21 ottobre 2009 alle ore 21.30 ed in replica Giovedì 22 ottobre alle ore 10.30

OGNI SETTE ANNI. LA PROCESSIONE DELLA MADONNA DELLE GRAZIE DI SONNINO di Matteo MOTTA e Andrea NATALINI 23’, b/n, 2008
Il documentario presenta la preparazione e lo svolgimento di un evento importante per la comunità sonninese, la processione settennale della Madonna delle Grazie, attraverso le immagini e le testimonianze dirette della popolazione.

Matteo Motta, milanese, laureato in Design al Politecnico di Milano a quest’attività affianca consulenze di progettazione e ricerca come free-lance.
Nel 2006 frequenta, alla Scuola del Cinema di Milano, il corso di Produzione Cinematografica tenuto da Marina Spada.
Partecipa come produttore esecutivo alla realizzazione del documentario “Diario di una Prof.” di Davide Pernicano e, come assistente di produzione, a “Scerbanenco by #”, di Stefano Giulidori. Realizza inoltre brevi filmati promozionali miscelando le passioni per il cinema, la fotografia e la grafica.

Andrea Natalini, trentenne milanese di nascita e romano d’adozione, vive attualmente tra la capitale e Terracina. Già laureato con lode in Geografia presso l’Università “La Sapienza” di Roma, ha conseguito poi la laurea magistrale in Gestione e Valorizzazione del Territorio. Nel 2007 ha collaborato come pubblicista con la PubbliEdi per la “Grande Enciclopedia dei Comuni Italiani”, occupandosi dei comuni della provincia di Latina e Frosinone.

Mercoledì 14 ottobre 2009 alle ore 21.30 ed in replica Giovedì 15 ottobre alle ore 10.30

IO, SECONDINO TRANQUILLI di Pasquale DI IANNI 22’, 2006
Silone si racconta e al suo narrare si intreccia la storia di un presunto anarchico vessato dalle autorità. Due storie ma un unico finale.

Pasquale Di Ianni di Pacentro (Aq), è autore teatrale e cinematografico. Tra i suoi lavori: “La valigia di cartone”, “Il cielo della libertà”, “Abbiamo già dimenticato”.

Mercoledì 07 ottobre 2009 alle ore 21.30 ed in replica Giovedì 08 ottobre alle ore 10.15

LAVORAVO A STRADA di Alessandra MAROLLA 24’, 2008
Lo sfruttamento della prostituzione, “le vittime di tratta”, quella parte di donne che attraverso l’inganno, il ricatto, la minaccia e a causa di una radicata povertà nel paese di provenienza è costretta ad usare il proprio corpo come merce di scambio per ripagare il debito contratto con gli sfruttatori.
E’ così che quattro ragazze di provenienza diversa: Moldavia, Ucraina, Polonia e Nigeria, all’arrivo in Italia avranno un destino comune, la prostituzione in strada. La promessa di una vita diversa lontano da fame e miseria. L’inganno. Il marciapiede. Poi la riconquista di una libertà dal sapore della rinascita.

Alessandra Marolla è nata a Catanzaro, diplomata all’Accademia di Belle Arti di Roma. Collabora con una casa di produzione di Bologna (Mammut film) dove si occupa di sceneggiatura e scrittura di soggetti per documentari.
Lavoravo a strada è il suo primo primo documentario. Le donne, le loro storie, le loro battaglie, la loro forza e la loro fragilità, sono ancora una volta il tema che anima un altro progetto Passaggi, che racconta, attraverso le immagini fotografiche dell’Archivio Storico della CGIL, una società in cambiamento, in evoluzione, quella che va dagli anni 50 agli anni 70 e che ha visto le donne protagoniste, pur tra mille difficoltà, di rivoluzioni per l’affermazione dei diritti e delle pari opportunità.

Mercoledì 30 settembre 2009 alle ore 21.30 ed in replica Giovedì 01 ottobre alle ore 10.15

UN TRENINO PER L’EDEN di Pietro CIAVATTINI 50’, 2008
Il documentario racconta la riapertura dello storico cinema Vittoria nella città di Narni. Il cinema Vittoria fu il primo ad aprire in Umbria nel lontano 1909.

Pietro Ciavattini di Narni laureato in Regista programmista al DAMS della facoltà di lettere e filosofia di Roma3. Da anni si interessa di fotografia e cinema Parallelamente allo studio inizia a realizzare cortometraggi e video su commissione per le scuole, senza aver avviato una vera attività di produzione.
– 1999 Solo ricordi, Pallidi ricordi, premiato come miglior messaggio d’amore al concorso per cortometraggi Amori in corto, indetto dall’assessorato alla cultura del comune di Terni e dalla fondazione S.Valentino.
– 2000 La stella cadente, Passione, a volte secondo classificato nella sezione “Spot pubblicitari” al primo concorso nazionale per cortometraggi di Perugia. 2006 Rosso Anna Il cortometraggio è stato inserito nel catalogo della produzione italiana di cortometraggi 2006, redatto da ANICA. Il documentario SoloQualcheSecondo.

Mercoledì 23 settembre 2009 alle ore 21.30 ed in replica Giovedì 24 settembre alle ore 10.15

IL RESTO DI UNA STORIA di Antonio PRATA 35′, 2008 Prod. Conservatorio Internazionale di Scienze Audiovisive Pio Bordoni – CISA (Lugano). menzione speciale al 2° Festival del documentario d’Abruzzo.

Il ritorno a Zurigo, dopo più di dieci anni, città nella quale l’autore ha vissuto in prima persona gli anni della scena aperta della droga. Un percorso a ritroso per far riemergere, attraverso il ricordo, ciò che ancora rimane del proprio passato, elemento indispensabile per meglio comprendere se stessi.

Antonio Prata è nato a Zurigo nel 1972 ed è vissuto e ha frequentato le scuole in Italia fino al 1989. Ha proseguito gli studi liceali a Zurigo fino al 1995 anno in cui si è definitivamente trasferito nel cantone Ticino dove ha frequentato il conservatorio di Scienze Audiovisive Pio Bordoni di Lugano. Si è diplomato come cineasta nel 2007 con il documentario Il resto di una storia. Da cinque anni è anche esercente e programmatore di un cinema di Lugano.

Mercoledì 16 settembre 2009 alle ore 21.30 ed in replica Giovedì 17 settembre alle ore 10.15

PARK di Massimo POMILIO 18′, 2006
Viaggio nel mondo dei parcheggiatori “non ufficiali”. Tra le vie di una Pescara indaffarata, con utenti della strada in perenne battaglia alla ricerca di un parcheggio, tra mille insidie del codice della strada, appaiono due amici pronti ad aiutare gli automobilisti impazziti.

Massimo Pomilio di Pescara, regista di cortometraggi, tra cui “Il commissario Montalburro ed i falsi d’autore”, “Svegliati…Ugo” e di spot e filmati pubblicitari.

1950 SCIOPERO A ROVESCIO A LORETO APRUTINO di Caterina DONATELLI, Daniela VIOLA, Fabrizio GIOVANETTI 17’, 2005
Il dopoguerra, la fame, la disoccupazione, le fatiche per costruire una nuova esistenza e il diritto ad una vita dignitosa, lontani dalla propria terra. Il documentario racconta, attraverso le voci e i volti di alcuni dei protagonisti, uno degli episodi più importanti del conflitto sociale delle campagne abruzzesi.

Caterina Donatelli di Loreto Aprutino è regista e sceneggiatrice per passione, si occupa anche di laboratori video per le scuole.
Daniela Vola di Pescara, regista, sceneggiatrice ed operatore culturale lavora da dieci anni nella produzione di prodotti multimediali.
Fabrizio Giovanetti si occupa di montaggio ed è autore di cortometraggi.

Mercoledì 09 settembre 2009 alle ore 21.30 ed in replica Giovedì 10 settembre alle ore 10.15
PECORE NERE di Luca MERLONI

E’ un breve viaggio alla scoperta di come sia cambiato il mestiere di pastore in Abruzzo, in particolare con l’arrivo di pastori dell’est Europa, e di come si stia avviando verso un futuro di poche speranze.

Luca MERLONI vive in provincia di Milano. Ha collaborato a vari programmi su Rai, Mediaset, Sky.

MEGARIS di Guglielmo D’ANIELLO
E’ l’interpretazione allegorica dell’autore sul degrado morale e civile della terra di Napoli.

Guglielmo D’Aniello nato a Napoli nel 1980, attualmente vive e lavora a Bologna dove frequenta il D.A.M.S. presso l’Alma Mater Studiorum (Università di Bologna).
Dal 2005 al 2008 partecipa alla realizzazione di numerosi cortometraggi (alcuni dei quali vincitori a festival minori), in qualità di aiuto regista, assistente alla regia, assistente alla fotografia, operatore di ripresa. Tra i suoi lavori: “Finchè morte non ci separi” (2006); “Il tarlo” (2007) e “Megaris” (2008).

Mercoledì 02 settembre 2009 alle ore 21.30 ed in replica Giovedì 03 settembre alle ore 10.15
CAMMINARE LIGURIA di Elisa NICOLI

Cartoline in movimento dalla costa ligure. Bruttezza e bellezza convivono in uno spazio ristretto, si sovrappongono, si confondono, fanno male, fanno sperare…
Riccardo Carnovalini, fotografo e camminatore, torna a percorrere dopo 23 anni le coste della Liguria; 19 tappe, 390 chilometri, da Carrara ai balzi rossi. Un cammino aperto a chiunque voglia condividere la conoscenza del territorio. Osservare i mutamenti, nel tempo lento dell’andare a piedi.

Elisa Nicoli nata e residente a Bolzano, è laureata in scienze della comunicazione.
Pri ma di passare alla regia è stata aiuto operatore, montatore, assistente di produzione e aiuto regista.
Tra le sue opere i documentari Filiera Corta. Il biologico per tutti del 2007 e Kinopolitik del 2006 finanziato dalla Provincia Autonoma di Bolzano. Il corto documentario giorno del 2006 e il corto documentario acqua? inserito nell’opera collettiva “Contrasti” (presentato nell’omonimo DVD) | proiettato all’interno del Festival dei Popoli 2005. Ha collaborato a due film di Costanza Quatriglio come aiuto regista e come assistente al montaggio.

Mercoledì 19 agosto 2009 alle ore 21.30 ed in replica Giovedì 20 agosto alle ore 10.15
UOMINI DI PIETRA di Enzo TESTA 31’, 2008
In viaggio per il campo-base di una delle vette del Karakorum: “i portatori” leali e forti compagni di viaggio.
La voglia di conoscere e capire persone lontane da noi per storia e tradizioni, ma molto vicine per sensibilità e dignità.

Enzo F. Testa nato a Lanciano vive e lavora a Roma; collabora con emittenti satellitari, è docente presso l’Accademia Internazionale dell’Immagine dell’Aquila e autore dei documentari: Mondi sospesi e Duilio Combellotti: le città del razionalismo.

Mercoledì 12 agosto 2009 alle ore 21.40 ed in replica Giovedì 13 agosto alle ore 10.15
ROSSO LAGO e DAL FONDO DELLA LUCE di Giovanni TATARELLI
ROSSO LAGO 17′, 2007- prod. Arteimmagine
Documentario storico sulla Marsica: i primi insediamenti, il periodo romano, il prosciugamento del lago Fucino di Torlonia, le lotte contadine, la riforma agraria, l’eccidio di Celano, il dopoguerra. In appendice una poesia.
L’ opera non è mai stata presentata ad altri festival.

DAL FONDO DELLA LUCE 15′, 2007- prod. Arteimmagine
Cortometraggio naturalistico sulla fauna e la flora del parco Parco Regionale Sirente-Velino. Il tema principale è rappresentato dal percorso delle gole di Celano, uno dei più bei canyon d’Europa.

Giovanni Tatarelli è presidente dell’Associazione Arteimmagine che opera nel settore dei media. Tra i documentari prodotti dall’Associazione: Simmetrie d’esilio, La cinepresa e la memoria, Bastioni e bastimenti.

Mercoledì 05 agosto 2009 alle ore 21.30 ed in replica Giovedì 06 agosto alle ore 10.15
MALA TEMPORA CURRUNT. PIETRO E GLI EREMI ABRUZZESI di Stefano AMADIO 30’, 2007
Gli eremi abruzzesi attraverso l’esperienza di Pietro da Morrone. Alla riscoperta di luoghi fantastici e di uno stile di vita inconcepibile per i nostri giorni.
Un Medioevo raccontato da esperti come Edoardo Micati, Ezio Mattiocco, Sandro Cordeschi ed Enrico Santangelo

Stefano Amadio è giornalista e regista. Ha realizzato diversi documentari per la televisione italiana e un lungometraggio di fiction dal titolo Mala tempora (2008) che ripercorre l’ Abruzzo del 1200.


Come sintonizzarsi 

emittente 
SITO WEB www.trsp.it/

FREQUENZE stellitari:
Sat: Hotbird 2 (13.0E) – 11727.00 V – 27500
Sat: Eutelsat Sesat (36.0E) – 12630.00 V – 1000
Principali canali di trasmissioni ANALOGICO TERRESTRE


ABRUZZO:
Canale 42 da Maielletta
Per Pescara, Francavilla, Chieti, Ortona, Vasto, Lanciano e dintorni
Canale 25 da San Silvestro (Pe)
Per Pescara, Chieti, Ortona, Francavilla, Montesilvano, Silvi e dintorni
Canale 64 da Sulmona (Aq)

Per Sulmona, Pratola, Teramo, Giulianova e dintorni


ABRUZZO e MOLISE:

Canale 60 da Schiavi d’Abruzzo (Ch)
Per Schiavi d’Abruzzo, Trivento e dintorni
Canale 24 da Petacciato (Cb)
Per Vasto,San Salvo e dintorni

Canale 26 da Casacalenda (Cb)

Per Termoli, Larino, Vasto e dintorni
Canale 57 da Riccia (Cb)

Per Campobasso e dintorni

Canale 37 da Pesche (Is)

Per Isernia, Venafro


PUGLIA:
Canale 19 da Volturnino (Fg)

Per Foggia, Manfredonia, San Giovanni Rotondo, San Ferdinando e dintorni
Canale 61 da Bari

Per Bari e dintorni
Canale 56 da Andria (Ba)

Per Andria, Barletta e dintorni


LAZIO:

Canale 53 da Alatri (Fr)

Per Frosinone e dintorni

Canale 39 da Vallemaio (Fr)

Per Cassino e dintorni

Canale 67 da Rocca d’Arce (Fr)

Per Sora, Isola del Liri e dintorni

Trasmissioni DIGITALE TERRESTRE: Napoli

Trasmissioni DIGITALE SATELLITARE

Sui satelliti il segnale si riceve in Europa, nord e sud America
FREQUENZE stellitari:
Sat: Hotbird 2 (13.0E) – 11727.00 V – 27500
Sat: Eutelsat Sesat (36.0E) – 12630.00 V – 1000
Sul satellite: Abbonati SKY sul canale 886;
Sul satellite: con un qualunque decoder segnale Free su hotbird 13 est. Sintonizzare su 11179 Mhz – Fec 3/4 – SR 27500


In Streaming su  http://www.trsp.it ovvero tramite internet.

Accendete il vostro computer, digitate www.trsp.it ed in fondo alla pagina trovate l’immagine riportata quì a destra.

Cliccate e… buona visione Come sostenerci
Nota bene Alcune informazioni (date da un non tecnico) a chi ha difficoltà di connessione

Alcuni computer (prevalentemente quelli acquistati da più di tre anni o – comunque – utilizzati da chi non ha mai visionato programmi in Streaming) non visualizzano il canale Streaming perché manca, nel proprio Personal Computer, il componente aggiuntivo specifico “SopCast P2P TV Core”.

Di solito nella barra superiore della pagina compare la scritta che chiede l’autorizzazione a scaricare il componente aggiuntivo “SopCast P2P TV Core” dal sito www.sopcast.com

SE, con il mouse, cliccate ed autorizzate il componente si installa automaticamente in circa due minuti – dipende dal tipo di connessione – ed automaticamente si inizia a vedere una sbarra con la scritta  verde “connecting to the channel Tele Radio San Pietro – Vasto (CH)

SE INVECE sotto la finestra appare la scritta “The cannel is off line now” non avete alcun problema di visualizzazione, ma è solo che , in quel momento, il canale streaming NON trasmette.

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Share This